Progetti

Urbino - Italia

Oratorio San Giovanni Battista

Nuova luce sugli affreschi dei fratelli Salimbeni

Il gioiello artistico di Urbino

Uno tra i capolavori del gotico internazionale in Italia, e perla della città di Urbino, l’Oratorio di San Giovanni Battista è sede di una delle opere più importanti di Lorenzo e Jacopo Salimbeni da San Severino Marche, che ha attraversato i secoli conservando la sua spettacolarità originale.

Oratorio San Giovanni Battista

Il recupero di colori e dettagli

L’intervento illuminotecnico si poneva l’obiettivo di sostituire il vecchio impianto alogeno ormai superato, con la tecnologia LED. I molti vincoli imposti dalla Confraternita di San Giovanni Battista e delle Belle Arti di Urbino hanno reso necessario trovare una soluzione che risultasse meno invasiva possibile, vincoli che che sono stati colti come un’opportunità per la progettazione: grazie ai fori già presenti, è stato possibile creare i supporti per il nuovo impianto a binario su cui sono stati installati i proiettori Pound, senza intaccare minimamente lo stato di fatto della struttura e delle opere. Pound, scelto per le alte prestazioni e grazie al design essenziale, si presta perfettamente per l’illuminazione degli splendidi affreschi, che hanno ritrovato vivacità delle scene e soprattutto del colore. La luce con temperatura 4000K e il CRI 95 del proiettore torna a far risaltare i dipinti nel pieno della loro magnificenza originale.
Oratorio San Giovanni Battista Oratorio San Giovanni Battista Oratorio San Giovanni Battista Oratorio San Giovanni Battista Oratorio San Giovanni Battista Oratorio San Giovanni Battista

    Prodotti correlati

    Il progetto va quindi a recuperare i bellissimi particolari degli affreschi, eliminando zone d’ombra e recuperando le più piccole sfumature, e non solo. Un piccolo dettaglio dimenticato come gli occhi di cristallo dell’uccello presente sopra la croce, intento a nutrire i cuccioli e a combattere il demone-serpente, che in particolari momenti venivano illuminati e accesi dalla luce in entrata da una piccola finestra murata in un ampliamento successivo dell’edificio nel ‘700, è stato recuperato grazie all’installazione specifica di uno dei proiettori con ottica a 15° sopra la trave trasversale di fronte all’altare. L’attenzione ai dettagli e prodotti di alta tecnologia e prestazioni sono stati il successo di questo piccolo ma grande progetto.

    Sfoglia la gallery

      Condividi